Crea sito

Champagne Supernova

Non so perché. Davvero non lo so. Ma la colonna sonora di questo periodo è Champagne Supernova.

Forse per il primo verso, o per la melodia, che parte un po’ malinconica.

Ascoltatela, ne vale la pena.

 

How many special people change
How many lives are living strange
Where were you while we were getting high?

Slowly walking down the hall
Faster than a cannon ball
Where were you while we were getting high?

 
Some day you will find me
Caught beneath the landslide
In a champagne supernova in the sky

Some day you will find me
Caught beneath the landslide
In a champagne supernova
A champagne supernova in the sky

 

 


Posted in pensieri by with 3 comments.

The End

.

This is the end.

Of our elaborate plans, the end.
Of everything that stands, the end.
No safety or surprise, the end.
I’ll never look into your eyes, again.

.

Cantava Jim Morrison.

.

Io e Consorte ci siamo lasciati.

Dopo 7 anni, di cui 6 di convivenza.

Lo so, a molti di voi non sembrerà granché, non sembreranno tanti anni.

Può essere.

Questa separazione non era una cosa che io volessi.
Negli anni, e soprattutto negli ultimi mesi, ho fatto tutto quello che potevo, ho fatto qualsiasi cosa, perché la nostra storia andasse avanti.

.

Lui…non se n’è dato per inteso e se n’è andato.

.

E’ andato via di casa e pian piano sta portando via le sue cose.

Ieri ho aperto l’armadio ed era vuoto. VUOTO.

.

Tutto questo mi ha spezzata.

.

Perché non mi ha uccisa?

.
Odio l’idea di vivere senza di lui. Odio l’idea di fare qualsiasi cosa.

.

Lui ha iniziato tutto 7 anni fa. Lui, non io.

Si è fatto amare. Abbiamo costruito cose insieme. Una casa. Una famiglia. Pensavamo al futuro. Figli. Una vita da passare insieme.

.

Tutto distrutto. Tutto in niente. 7 anni volati. E sono rimasta più vecchia, sola, e con un’amarezza infinita.
In questa casa dove tutto parla di noi. Dove in ogni cosa vedo lui. Dove ogni notte, dopo aver preso sonno a seguito massiccia assunzione di alcol, mi sveglio di soprassalto, e lui non c’è. E non ci sarà mai più.

.

Il motivo?

Non ce n’è veramente uno. Lui dice che non riesce ad amarmi come prima. Che gli manca qualcosa. Che è cambiato.

.
Come se dopo 7 anni uno potesse sentire la stessa cosa di quando si è innamorato il primo giorno.

.
Io in lui avevo investito tutto. E ho perso tutto.

.

.
Come è possibile accettare una realtà in cui non si ha certezza di niente? Di niente? Neanche della più piccola cosa?

Neanche di una cosa.

Sappiatelo: tutto, se può, andrà male.

La persona che amate vi distruggerà. Anche se aveva iniziato tutto quella persona. Lui inizia a costruire, lui distrugge.

.

Non potete fidarvi di nessuno, a meno che non accettiate di soffrire.

Dovete saperlo. Voi che siete felici e pensate che tanto a voi non succederà.

Invece, succederà.

Mi fa impazzire che chiunque accetti questa variabilità. Che tutti accettino il fatto di non avere neanche una certezza.

E’ un auto-inganno.

Si fanno le cose perché si pensa che andranno bene.

Su cosa venga basata questa supposizione, lo ignoro.
Può andare bene tanto quanto male, le probablità sono sempre 50/50.

.

Io pensavo di avere almeno una, una cosa certa.

Che idiota sono stata.
Io, non ce la faccio.

Non ce la faccio.
Non ce la faccio.

.

Non so se questo blog avrà una continuazione. Ci sto pensando. Alla fine l’avevo iniziato quando era iniziata la mia storia con lui.

Adesso, una fase è finita.

.

E per quanto mi riguarda, da adesso farò passare il tempo.

Niente ha senso se non c’è nemmeno una certezza.

È fare le cose a caso, per far scorrere il tempo facendo qualcosa piuttosto che non facendo niente.

Il senso della vita.
Inizi a interrogarti sul senso.
E non ce ne trovi.

.


Posted in tristezza by with 10 comments.